Logo

Blog

Condividi:

"SaleSemplicemente"

17 Maggio 2016


Chi li acquista li definisce "Talismani Portafortuna", come collana da indossare oppure da appendere in casa.
La parola “sale” deriva dal latino “sal” che è sinonimo di “sol” e significa “acqua salsa”,ma anche “sole”. Il suo significato mitologico “sole” è quindi energia luminosa liquida o luce solare liquida incorporata in una struttura in grado di creare e conservare la vita. Nell'antichità il sale ha sempre rappresentato qualcosa di prezioso: l'Oro Bianco. Il salario indicava la paga che i soldati romani ricevevano, in Egitto solo ai faraoni era concesso il sale. Per i celti la parola “Hall” (sale) era assonante alla parola “Heil” che designa ciò che era sacro ma aveva pure un altro significato, “Vibrazione”. Il termine “Halite” viene utilizzato ancora oggi in geologia per indicare il sale cristallino puro, dove “Hall” e “Lit” (luce) stanno a significare Vibrazione Luminosa.
In tutti i miti, dall'antichità fino all'età moderna e dal Mediterraneo fino ai paesi Nordici, sono sempre presenti tre qualità fondamentali del sale: la capacità di proteggere, di purificare e di guarire. Gli alchimisti lo chiamavano “Quinto elemento”, con l'acqua, la terra, l'aria e il fuoco. La soluzione idrosalina è la matrice energetica che permette alla vita di formarsi ed esistere. Se l'acqua è l'elemento primario per la sopravvivenza, il sale occupa il secondo posto come importanza. E' impossibile parlare di vita senza uno di questi due elementi.
Il sale rosa viene raccolto nelle profondità delle incontaminate montagne dell'Himalaya.
Il fil di rame è un ottimo conduttore elettrico, risulta utile per scaricare tensioni, energie e cariche negative.
La spirale indica espansione, crescita e forza dinamica primaria.
La foto è stata scattata da Sara Scarpati.